ragazzo mangia merda di donna donna mangia merda di donna i commensali  mangiano merda cena con merda e pissing ricoperti di merda fino al collo bevono piscia e mangiano merda orgia scat
Incesti madre figli


01. Porno-VideoPorno-Gratis
02. incesti
03. xhdtnesawf
04.
05. Fucking Scat
06. Video Amatoriali Gratis
07. video porno gratis gratis
08. digieros
09. Virgin Schoolgirls TUBE
10. cazzo grandi
11. Directory x Adulti
12. sntxjizoil
13. you porn trans
14. VOGLIA DI PORNO
15. video pissing
16. Porno Fisting
17. video incesti
18. xyqemfcdbp
19. Troie stuprate
20. troie incinta
21. trasgredendo
22. spintissimo
23. abqsuvqjuw
24. sessotop
25. sesso piedi
26. rana porno
27. porno vizi
28. porno italiano gratis
29. porno italiano
30. Anale Porno
31. porno tuo porno
32. Video porno mature
33. mygigasex
34. aqomrnjsxq
35. koala porno
36. Kaviar Amateur
37. ippo porno
38. incesti tube
39.
40.

inserisci il tuo sito



soffocato da una montagna di merda che buona la merda spalmata spiedino di merda
e' ora di levare il pannolino sporco mangiano un minestrone di merda masturbazione scat
video porno scat lo stronzo sta per uscire dallo sfinter 69 con smerdata in bocca
digerisce la merda cesso umano video porno scat video porno scat con pissing
prima di giocare con la merda appetitosa smerdata in faccia video porno con siolta

LE VOGLIE DELLA SIGNARA CARLA GHITTONA DI PISCIO CALDO

Quella mattina la signora Carla si svegliò inquieta. Provò a dare un nome al suo stato d’animo per capirlo meglio. Non ci riuscì. Suo marito era già andato via. Scivolò sulla sua parte di letto. Assorbì l’odore di lui sulle lenzuola. Come sempre, questo la rasserenò. Ma non del tutto. Si alzò. Si vide riflessa sul grande specchio. Una piccola camicia da notte la copriva, per quanto poteva. Si fermò a guardare il suo corpo. Era una cosa che faceva da quando era adolescente. Osservò i lunghi capelli neri che le scendevano abbondanti sulle spalle. Osservò il volto dolce, le labbra morbide. Osservò i suoi seni. Era orgogliosa di loro. Grandi e fieri, avevano sempre attratto l’attenzione di tutti, uomini e donne. In quei mesi erano però ancora più grandi. Gonfi e colmi, sembravano immensi. Il latte, ogni giorno più abbondante, faceva capolino di tanto in tanto dai suoi capezzoli induriti. Provò una leggera eccitazione a vedere i suoi seni così grossi. Scese giù con lo sguardo. Il suo ventre era enorme. La gravidanza era alla fine del sesto mese. Molto sporgente e vasta, la sua pancia si protendeva impudica in avanti.
Si tolse la veste da notte. Rimase nuda a guardarsi, mentre si pettinava i capelli. La signora Carla vide una donna di quaranta anni, gravida con tette enormi, stracolme di latte e una pancia imbarazzante. Che strano umore, aveva Carla, quella mattina. Provò un piacere sottile nel pettinarsi i capelli, guardandosi. Lo fece per un po’. Improvvisamente le venne davanti agli occhi un’immagine. Lei cammina per strada. Indossa una veste aderente che le fascia il corpo. Il suo ventre enorme è esposto agli sguardi di tutti. Le sue tettone mostrate senza alcun pudore. Quella veste la spoglia totalmente. Entra in un bar. Ci sono tre uomini che le puntano gli occhi addosso. Lei abbassa lo sguardo mentre va al bancone. I tre allora si alzano e si avvicinano a lei. Uno dei tre comincia a parlarle. Nel frattempo un altro da dietro le sfiora il culo. Lei rabbrividisce. Comincia a tremare. Vorrebbe ribellarsi. Ma non lo fa. Incoraggiato dall’assenza di reazione, l’uomo dietro si fa più audace. Le tocca il culo. Cerca la fessura. La trova. Fa pressione attraverso l’esile tessuto. Nel frattempo l’uomo al suo fianco guardandola negli occhi, le afferra una tetta e la stringe. Una goccia di latte esce e macchia il vestito. Lui la vede. E si piega a succhiare il capezzolo attraverso il morbido cotone. Il terzo uomo che era rimasto da parte, si avvicina e comincia ad accarezzarle la grande pancia. Lei è bloccata. Non reagisce. Ha paura. Ma sente l’eccitazione crescere dentro di lei. A quel punto sente che l’uomo dietro le alza la gonna, le abbassa le mutandine. Sente la lampo di una cerniera abbassarsi. Sente la cappella calda e gonfia di un cazzo appoggiarsi fra le sue natiche. Sente la cappella farsi strada in direzione del buco del suo culo. Ma proprio in quel momento si sveglia dal sogno. Il cuore le batte forte. È sconvolta. Si rende conto che è solo un sogno. Si adagia vicino al corpo caldo del marito che dorme. Il sogno la impaurisce. Eppure la sua sfiora per caso la sua fica e la trova bagnata. La signora Carla si riaddormenta a fatica.
Ecco cosa era che le aveva lasciato quello strano umore. Quel sogno stranissimo. Che paura, che aveva avuto la signora Carla, in quel momento. Eppure adesso a ripensarci da sveglia non lo trova più pauroso. Si tocca in basso. La sua fica è bagnata. Scivola dentro con due dita. Le muove dolcemente avanti e indietro. Le porta alla bocca. Assapora il suo sapore di femmina. Da quando è incinta, il suo desiderio è aumentato molto. Non è però solo desiderio di fare l’amore. È qualcosa di più indefinito. La signora Carla ha voglia. Ma non sa ancora di cosa. Le piace assaggiare, gustare, sentire con la sua bocca. Lo fa con alcuni cibi. Il miele. Riempie un cucchiaino. Fa scivolare il miele sulle sue labbra. Lo lecca con la punta della lingua. Se ne riempie la bocca. Lo tiene lì, godendo della pienezza. Altre volte lo lascia cadere sulle sue tettone. E poi lo lecca avidamente. Una volta giunse fino ai capezzoli. E cominciò a succhiarli. Succhiò, succhiò, succhiò a lungo finché non sentì un gusto diverso nella sua bocca. Non l’aveva mai sentito. Si ritrasse. Guardò i suoi capezzoli. Era il suo latte che usciva per la prima volta dai capezzoli. Volle provare ancora. Succhiò. Stavolta le piacque. Era il suo latte. Quell’episodio le aveva lasciato addosso una voglia strana. Gustare, assaggiare cose nuove. Cibi certo. Ma anche altro. Corpi, soprattutto. Era voglia di assaggiare corpi. Il proprio, soprattutto. Succhiava le tettone tutte le volte che era sola, sentendo il suo latte in bocca. Si succhiava le dita dopo che avevano esplorato ogni angolo della sua vagina. Succhiava le dita del marito dopo che queste avevano indagato il suo culetto. Succhiava a lungo il cazzo del marito, ingoiando avidamente ogni sua sborrata. Non una goccia della sborra del marito doveva andar persa. Eppure le rimaneva addosso la voglia di … Il suo umore era estremamente variabile in quei giorni. E tanto più la voglia rimaneva insoddisfatta, tanto più la sua inquietudine aumentava.
Quella mattina sarebbe venuto il giardiniere. Era Antonio, un anziano signore che si occupava dell’ampio giardino che circondava la grande villa. La signora Carla amava i fiori. Ma non la attraevano tanto i colori o le forme da guardare, quanto piuttosto i profumi. Amava camminare in mezzo a odori e profumi, tenendo gli occhi chiusi. Per questo la sapienza di Antonio aveva dato vita a un giardino incredibile. Non era bello da vedersi, come tanti giardini creati per la vista. Ma era un trionfo di piante scelte in base ad un unico criterio: una parte di queste doveva produrre profumo. I fiori più profumati si accalcavano l’uno sull’altro e giungevano fino alle finestre del salotto al pianterreno. Non a caso. La signora Carla amava spalancare la finestra al mattino e inalare l’odore dei fiori. Da quando era incinta, il suo olfatto, già sensibile, era diventato acutissimo. Per questo adesso indugiava molto in giardino ad assorbire ogni profumo. Non di rado si era trovata eccitata nel sentire quei profumi e aveva fatto scivolare dalle narici alla sua bocca certi fiori che amava in modo particolare. Voglia di assaggiare …
L’umore altalenante di quei giorni era dovuto anche al suo corpo. Era sempre stata una donna appariscente. Ma adesso era veramente grande. Le tette, gonfie, tremavano a ogni movimento. La pancia era grande in maniera imbarazzante. Tutto ciò le provocava sentimenti contrastanti. Un giorno si sentiva bella, anzi magnifica. Allora indossava vestiti attillati, che la spogliavano completamente. Andava a passeggio, mostrando il suo corpo incredibile e godeva degli sguardi di tutti. Altri giorni invece si sentiva un mostro deforme, con quelle tette vergognosamente grosse e una pancia enorme. Rimaneva a casa allora, triste. Ma bastava niente per farle cambiare umore. Un pensiero gentile del marito, il suo abbraccio caldo, una sua parola rassicurante. A volte, bastava che passasse davanti allo specchio. Vedeva quelle enormità. Si eccitava a guardare il suo corpo ingigantito. Una mano allora scendeva fra le sue gambe. E tutto ritornava al suo posto.
Anche quella mattina fu così. Il buon umore le tornò subito dopo le carezze intime che la sciolsero. Si preparò un lungo bagno. Ne uscì fuori splendida. Indossò una veste leggera, attillata, chiara e senza reggiseno. Preferiva non indossarne quando era a casa e lasciare libere le sue tette. Era una mattina di estate e non vedeva l’ora di godere il profumo dei suoi amati fiori. Avrebbe passato il tempo in giardino, mentre Antonio lavorava alla potatura delle rose sfiorite. Squillò il telefono. Era Antonio. La avvertiva che non stava bene e che al suo posto sarebbe venuto un suo collaboratore. Non era mai accaduto. La signora Carla ne fu contrariata. Non voleva che qualcun altro mettesse le mani sui suoi fiori. Ma Antonio le assicurò che si trattava di persona esperta. Si tranquillizzò.
Suonarono alla porta. Andò ad aprire. Davanti a lei un ragazzo sui venticinque anni. Alto, portava lunghi capelli castani che gli scendevano fino alle spalle. In volto era quasi femmineo. La sua pelle perfetta, i suoi occhi dolci. Indossava una tenuta da lavoro che non mostrava molto del suo fisico, ma lasciava indovinare un corpo scolpito da lunghe ore di palestra. La signora Carla fu impeccabile come sempre, ma dentro di lei sentì una fitta. Qualcosa le si bloccò nel petto. Qualcosa scivolò fra le gambe. Dopo le presentazioni, lui andò subito a lavorare, lei gli disse che l’avrebbe raggiunto presto. Così fece. Prese posto su un divano, al sole. Si godeva i raggi caldi che si posavano sul suo corpo. Nel frattempo guardava il ragazzo lavorare. Lo trovava bello, sebbene fosse così femmineo. Era tutto l’opposto di quegli uomini del sogno. Tanto quelli erano brutti e rudi, tanto questo morbido e bello. L’immagine congiunta di quegli uomini la fece rabbrividire. La eccitava la contrapposizione tra quei maschi. Uno tenero, come un fiore di ibisco, gli altri rudi come rami di quercia. Si sentì bagnare. Per un attimo si immaginò fra le mani di tutti quegli uomini, i tre del sogno e il ragazzo davanti. La testa le girò. Ebbe bisogno di tornare a casa. Disse al ragazzo che sarebbe andata a casa a riposare un po’. Così fece. Salì al primo piano. Si distese sul suo letto.
Dopo un breve sonno di un’ora, la signora Carla scese al pianterreno. Prima di uscire, volle però aprire la finestra del soggiorno per far entrare il profumo dei fiori. Scostò la tenda. Vide che il ragazzo stava potando alcune rose a poca distanza dalla finestra. Rimase così a guardarlo, da dietro la tenda. Le piaceva la morbidezza con cui teneva in mano la forbice e il ritmo calmo con cui portava avanti il suo lavoro. Lui non la poteva vedere. C’era il riflesso del sole sulla finestra che glielo impediva. Lei così ebbe modo di godersi il ragazzo, sicura di non essere vista.
Ma a un certo punto successe una cosa che lei non si aspettava. Il ragazzo si guardò intorno, come per assicurarsi che non ci fosse nessuno. Posò la forbire a terra, si allontanò dal viale principale, nascondendosi dietro una piccola siepe. Diede le spalle al giardino voltandosi verso la casa. In questo modo se qualcuno fosse arrivato dal viale, non l’avrebbe visto. Però si voltò proprio in direzione della finestra. La signora Carla ebbe per un attimo l’impressione che lui l’avesse vista. A quel punto il ragazzo si abbassò la cerniera. Tirò fuori l’uccello e rimase per qualche attimo così. La signora trattenne il respiro, sentendosi il cuore che le rimbalzava fino in gola. Era bellissimo, l’uccello del ragazzo. Lungo, tenero e con una cappella molto grossa. Anche da moscio era più grande di quello del marito. Il ragazzo chiuse gli occhi per un attimo. Cominciò a uscire la sua pipì. Era molto chiara, quasi trasparente. Il flusso fu leggero all’inizio, poi si intensificò aumentando l’ampiezza dell’arco. La signora Carla si sentì girare la testa. La vista improvvisa del sesso del ragazzo la eccitò per un attimo. Ma subito si sentì arrabbiata. Come osa questo ragazzino pisciare così fra le mie rose. Ma questo pensiero fu presto sostituito da un’altra sensazione. Pensò che lui sapesse che lei era lì e si sentì imbarazzata perché lo stava vedendo pisciare, lei che non aveva mai visto pisciare nemmeno il marito. Abbassò lo sguardo. Ma non resistette. Lo alzò di nuovo. Il ragazzo stava pisciando ancora. Vederlo così, indifeso, con gli occhi chiusi e il sesso moscio in mano che pisciava, la fece eccitare come mai niente prima. Lo guardò avidamente. Guardò stavolta il cazzo che grondava di piscio. Un pensiero le balenò nella mente. Una voglia … si immaginò di uscire da quella finestra, raggiungere il ragazzo e senza dire niente inginocchiarsi ai suoi piedi, chiudere gli occhi, aprire la bocca, e lasciare che la pipì d’oro di quell’angelo le riempisse tutta la bocca.
Questa immagine la fece tremare. Scappò via dalla finestra. Si rifugiò nella sua camera. Affondò le dita nella fica piena di umori e si masturbò violentemente. Venne tremando. Rimase ferma per molto tempo. Distesa su un fianco, con le dita immerse nella fessura, gli occhi chiusi. Ogni centimetro della sua pelle vibrava profondamente. A tratti spasmi smuovevano il suo corpo. La sua mente impressionata dalla potenza di quella fantasia. Rimase così, la signora Carla a lungo, finché non le sembrò che tutto stesse tornando al suo posto. Aprì gli occhi. Si guardò intorno. Era nella sua camera, sul suo letto. Provò ad alzarsi. Non ci riuscì. Si toccò allora le tette. In realtà si accarezzò il corpo con una dolcezza mai provata prima. Ripensò alla sua fantasia. Ne provò vergogna. Una lacrima bagnò la sua guancia. Si sentì triste e sporca, per un attimo che le sembrò un’eternità. Sentì suonare il campanello. Molto probabilmente era il ragazzo che avvertiva che aveva finito. Non ebbe il coraggio di scendere. Non sarebbe riuscita a guardarlo in faccia. Lasciò che lui suonasse una seconda volta. Rimase così a lungo. Si addormentò rannicchiata in posizione fetale, stringendo le sue tette.
Si svegliò lentamente. Sentì qualcosa che si poggiava sul suo sedere. Era qualcosa di caldo che toccava tutta la parte posteriore del suo corpo. Sentì sempre più distintamente. Era un corpo di uomo. Sentì la punta di un pene duro appoggiarsi dolcemente alle sue natiche. Si sentì rinfrancata da quel contatto. Svegliò i sensi. Il suo naso le disse che era il marito dietro di lei. L’odore pungente del sesso di lui eccitato era inconfondibile. Si ammorbidì. Si bagnò. Lui scivolò dentro di lei. La penetrò dolcemente. Lei si lasciò cullare. Ma un’immagine ritornò prepotente nella sua mente. Quel ragazzo bellissimo con il suo cazzo in mano e la sua pipì scrosciante. Si sentì strattonare da quella immagine. La sua eccitazione crebbe. Non poté fare a meno di aggiungere qualcosa a quella immagine. Lei in ginocchio davanti al ragazzo che a bocca aperta riceve il piscio di lui. Tremò la signora Carla. Tremò di piacere e singhiozzò di vergogna, sconvolta dalla sua stessa fantasia. Adesso le era chiara la sua voglia… era voglia di … non riusciva neanche a pronunciare la parola, quella parola.
Si voltò verso gli occhi del marito. Lo guardò implorante. Sperava che lui capisse dai suoi occhi la sua voglia dai suoi occhi. Sperava di non dovere dire quelle parole che non riusciva a pronunciare neppure nel chiuso della sua fantasia. Lo guardò supplicando muta che lui capisse la sua voglia ignobile.
Ma lui non capì. Piccola Carla, riuscirai mai a confessare la tua più grande voglia ?